Stern al Trofeo Porti Imperiali

Primo appuntamento della stagione di altura nel medio Tirreno,il trofeo Porti Imperiali anche quest’anno ha registrato trenta iscrizioni con alcune barche particolarmente veloci ed equipaggi preparati, ricordo che la regata è vaida come selezione per il Campionato Italiano assoluto FIV che quest’anno si svolgerà a Palermo.

Noi regatavamo in Classe 4-5 che comprendeva 11 barche tra le quali due veloci Este 31 con a bordo in uno il velaio Antonio Incarbona e Maurizio D’Amico atleta qualificato FIV, nell’altro l’amico Alessandro Scarpa della veleria Murphy&Nye ed il Farr 31 Loucura nostro rivale in classe Half Tonner.

Nella prima giornata siamo riusciti a disputare due regate in condizioni di vento molto leggero a calare da NE e poi da SW, campo di regata non facile da interpretare molto “bucato” e con una discreta corrente che complicava non poco le scelte tattiche, cerchiamo di tenerci al centro del campo e restare vicini alle barche più veloci nella prima bolina, giriamo molto vicini ai due Este 31 e davanti di diverse lunghezze a Loucura, in poppa perdiamo un pò di strada, non troviamo la regolazione giusta dello spi che è un runner,invece con poco vento avremmo bisogno di un VMG che non abbiamo…Giriamo la boa di poppa ancora non troppo lontani dai due Este e scegliamo questa volta il lato sinistro del campo di regata,purtroppo si rivelerà una scelta sbagliata, la pressione è maggiore a destra, così perdiamo tutto il vantaggio su Loucura e finiamo quarti di Classe.
Dopo il traguardo veniamo a sapere che Loucura è stato squalificato per OCS.

Il vento cala del tutto,per riprendere a soffiare dopo due h da SW, appena 4 nodi che tendono inesorabilmente a calare. Partiamo bene dopo tre partenze false della flotta e conseguente Black Flag, ci teniamo in seconda fila per non rischiare ma ci disimpegnamo subito,questa volta ci teniamo al centro con prevalenza a sinistra e azzecchiamo la regolazione giusta, Stern è veloce e giriamo molto vicini i ai due Este 31 e molto avanti a Loucura, la regata viene accorciata e tagliamo il traguardo in ottima posizione, anche se la classifica overall risente molto del fatto che le barche più grandi arrivano con più vento rispetto alle piccole che si ritovano a lottare con il pochissimo vento residuo.

Il giorno dopo la scena si ripete, si parte con 5 nodi da SW  con percorso abbreviato ad un giro, andiamo forte togliendoci la soddisfazione di arrivare in reale davanti ai due Este 31, alla fine siamo secondi in IRC e quarti in ORC.

Un buon inizio…. ma speriamo in meglio

Max

wordpress theme powered by jazzsurf.com