La nostra Tre Golfi 2014

Credo sia giusto lasciare una traccia scritta per ricordare, magari in inverno quando fa freddo, questa bellissima regata.
Orion Pragma Multimedia, questa la nostra grande barca, ci aspettava in porto presso il Circolo del Remo e Vela Italia.
Siamo arrivati a Napoli in macchina all’ora di pranzo, io Pino, Guido e Marco mentre Sergio, Matteo e Claudio nel pomeriggio in treno.
Immancabile pizza vicino al porto e poi via alla sistemazione della barca e dei vari lavoretti rimasti pendenti dopo la 41 Parallelo.
All’ora di cena il circolo diventa la ribalta mondana di Napoli, noi pizza al solito ristorante e poi via al bagno di folla al circolo, io vado in barca a riposare prima della partenza.
La regata ha come percorso scelto : Napoli, Ponza a sinistra, isolotto dei Galli a sinistra, Napoli per circa 160nm
Ore 00:00 di sabato 10 parte il primo razzo e mancano 8 minuti alla partenza la linea illuminata dalle fotocellule brulica di barche, circa 50, grande assente il vento o meglio poco e mal distribuito… Noi partiamo, male, soffrendo sotto costa fino al canale tra Ischia e Procida, da qui puntiamo diretti verso la punta a bordo di Ponza, il sole ed il mare sono dalla nostra parte, il vento fa un po’ le bizze ma noi camminiamo e bene, iniziamo a recuperare molte barche e ci sentiamo di nuovo parte del gruppo che ci aveva distaccato alla partenza.


Arrivati a Ponza mettiamo la prua verso Punta La Guardia ed in questo tratto recuperiamo in modo impressionante molto tempo bolinando fino a pochi metri dalle scogliere di Ponza, un alto momento di vela, davvero entusiasmante per i colori e le sensazioni che ci ha regalato.
Scapoliamo la punta sud di Ponza e ci dirigiamo verso Capri…. Rapido consulto meteo e decidiamo di rimanere un po’ bassi e via di A0 al galoppo, davvero bello il turno che ci porta veloci verso Li Galli. Ad un certo punto decidiamo di passare a sud di Capri, questo probabilmente ci é costato la regata, andiamo giù quindi ed iniziamo una serie di estenuanti boline che ci portano con pochissima aria a girare Li Galli. Gli isolotti per via delle prime luci del giorno sembrano sospesi nello spazio, sono molto belli, ma lo strazio di girarli stanti ben attenti alle aree protette, purtroppo non tutti i regatanti lo hanno fatto sentendosi molto furbi credo, dura quasi due ore, poi su Spi e bordi fino a Punta Campanella.
Una vota “domati” i venti di Punta Campanella abbiamo fatto una cavalcata sotto spi dritti verso il traguardo con punte di velocità interessanti.
Tagliamo alle 14:12:16, stanchi ma soddisfatti per quanto vissuto nelle 38 e più ore precedenti.
Risultiamo 17 su 46 in ORC, un buon risultato ma che guardando in avanti in classifica ci lascia con l’amaro in bocca perché con una scelta più conservativa avremmo scalato in maniera molto importante la classifica.
Il bilancio é positivo, la barca si é comportata benissimo e le modifiche al set up dell’albero danno i loro frutti, l’equipaggio ha funzionato bene come non mai, manovre perfette, turni rigorosi, cambusa gestita ottimamente da un Marco attento e preciso, due giorni di vita che vale la pena vivere e raccontare, insomma una esperienza da ripetere sicuramente.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

wordpress theme powered by jazzsurf.com